Omofobia: aggressione al regista Riso

L’ omofobia è un male ancora presente e fortemente radicato. Per quanto si facciano campagne di sensibilizzazione in merito e si tenti di educare i giovani ad avere una mente più aperta e ricettiva, purtroppo ci sono ancora persone che non sopportano il diverso e reagiscono, a volte, in maniera estrema. L’episodio avvenuto stamani a Roma che ha avuto per vittima il regista Sebastiano Riso, ne è la triste riprova.

Riso stava rientrando nella sua casa in zona Ostiense quando due uomini lo hanno aggredito nell’androne del palazzo, colpendolo ripetutamente con calci, pugni ed insulti omofobi. Il regista è stato prontamente soccorso e portato al pronto soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli, in cui i medici hanno riscontrato una contusione della parete toracica addominale e un trauma allo zigomo con edema alla cornea con una prognosi 10 giorni.

Il regista ha poi dichiarato alla stampa: “Sul viso, nello stomaco e all’altezza dello sterno. Ieri sono stato colpito tre volte, e tre volte mi sento attaccato: come omosessuale, come regista e come persona. Come omosessuale perché, mentre mi colpivano, mi rivolgevano insulti omofobi. Come regista e come persona perché quegli insulti facevano riferimento a tematiche affrontate nel mio ultimo film, come la possibilità per le coppie gay di formare una propria famiglia, e perché la violenza è stata esercitata contro la mia inclinazione a esprimere me stesso”.

Questo increscioso episodio dimostra come l’omofobia possa portare a compiere gesti estremi, non giustificabili in alcun modo. Per questo è fondamentale istruire e sensibilizzare, mostrare che non vi è niente di sbagliato nell’’esprimere sé stessi. Possono esserci ideologie contrastanti, divergenze di opinioni, ma l’unica via per risolverle deve essere sempre il dialogo.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *